15 Novembre 2012 DPP

20131114-234344.jpg

Un anno fa era la Data Presunta del Parto di Laura. Un salto indietro e mi rivedo, di nuovo qui, seduta al tavolo di questa stessa cucina, la tovaglia un po’ meno lisa, una sedia Stokke in meno, e la pancia… una tondissima pancia che conteneva una figlia che non immaginavo…

In quei giorni mia madre si era appena trasferita a casa nostra per un paio di settimane in modo da poterci dare una mano in vista del parto che si avvicinava. Dolce presenza per i miei figli che mi ha consentito di chiudermi in un vortice inarrestabile di letture che mi hanno aiutata a sentire che per il mio parto potevo scegliere, che la nascita della nostra terza figlia era un dono da preservare.

E siccome amo ringraziare, ripercorro a ritroso la strada dei link sui quali mi ero soffermata per condividere adesso con voi le letture pre-parto che hanno segnato questa sorta di mio “ritiro spirituale”.

keep calm and give birth della doula mammerri scoperta in rete attraverso virtuose connessioni. In questo post mammerri fa un elogio del tempo, della lentezza, elementi che hanno caratterizzato i miei parti.

Nella sezione video del blog di Laura Vernaschi mi soffermai, invece, su questo trailer del film documentario “Il primo respiro” che getta un’ampia luce su come si nasce nel mondo perchè “In ogni angolo della terra, in tutte le culture, c’è un momento unico ed universale: la Nascita.” Quante volte ho visto e rivisto questo trailer, immagini di pance che rimandano un’idea di sacralità… Donne diverse, donne capaci di generare nuova vita.

Poi questo video dall’aspetto un pò “peace and love” mi ha riempito il cuore per il numero “appena sufficiente” di bambini presenti e per il sorriso delle donne che partorivano.

E infine vi segnalo questo imperdibile estratto dello spettacolo teatrale di e con Giuliana Musso. Un anno fa ridevo e piangevo di fronte a questo video, lacrime di paura per quello che sarebbe potuto succedere, lacrime di rabbia per le modalità ospedaliere spesso invadenti e poco rispettose verso la nascita. Episiotomia, lettino, manovra di kristeller, aspirazione del neonato, secondamento, scovolamento e sutura, erano già stati gli ingredienti del mio primo parto, un parto che era stato indotto, un parto avvenuto con un gran febbrone per via di un’infezione contratta in ospedale, un parto che avevo comunque scelto di portare avanti con fiducia affinché non si trasformasse in cesareo come il primario suggeriva.

I libri che mi hanno aiutata per il parto della mia terza figlia sono, invece, stati: “Venire al mondo e dare alla luce” di Verena Schmid, libro prelevato dalla biblioteca di un posto magico che frequento qui a Castiglione Olona e “In nome della madre” di Erri de Luca, libro ricevuto in dono, qualche giorno prima del mio parto, dalle donne del cerchio magico del Tempinsieme. Considero questo due libri miracolosi, capaci di far sentire le donne veramente capaci di partorire. Il mio è stato un perdermi tra queste e altre letture per poi scegliere la mia strada, chiedere cosa desideravo per il mio parto.

Due cose ho “osato” chiedere in quella che due giorni dopo è stata la notte del travaglio:

– ho chiesto all’ostetrica se poteva per un po’ lasciarmi sola insieme a mio marito. Avevo voglia di tranquillità, buio, calma.

– ho chiesto che il taglio del cordone avvenisse per mano del padre e solo dopo il secondamento. Richiesta, quest’ultima, considerata bizzarra nella struttura ospedaliera nella quale ho partorito, ma che per me era il minimo che potessi fare per rendere dolce la nascita di mia figlia e avere un secondamento spontaneo e con minore rischio di emorragie. Piccolissime richieste che aprono la strada ad un IMMAGINARIO quarto parto in casa con nascita lotus ; )

4 pensieri su “15 Novembre 2012 DPP

  1. La rete…
    Il mio “ritiro spirituale pre-parto” è stato arricchito dalla lettura di quanto avevi scritto sui tuoi parti, sul vostro modo di vivere la maternità.
    Leggerti mi ha permesso di affrontare con fiducia la mia terza genitorialità, in quei giorni delicatissimi ti ho sentito molto vicina e te ne sono grata.
    Un abbraccio grande e…sempre meno virtuale : )

  2. ogni volta che una donna diventa mamma mi commuovo perchè anche io rivivo il mio percorso. ma ogni volta che attraverso la maternità una mamma diventa “più Donna” è un passo verso la libertà. Grazie mammari! <3

  3. Piccoli passi verso la libertà…
    Narrazioni di donne svelano come sia possibile riappropriarsi della gravidanza e del miracolo della nascita. Averti incontrata in rete un anno fa mi ha permesso di compiere quel piccolo passo verso la libertà…
    Grazie Laura
    P.S. Il secondo nome candidato per la nostra terza bimba era Iole ; )

Rispondi a Enrica Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *