Riflessioni pasquali sotto l’effetto della prolattina

Festa della rinascita, della fiducia, del possibile.
Mio marito ed io in chiesa, senza figli, con le nostre mani libere di reincontrarsi.
Ho visto una mamma che regalava al proprio figlio il gioco dell’oggetto nascosto dentro la mano per poi lasciarlo indovinare.
Ho visto schiene di padri e madri curvarsi portando con amore i loro figli.
Ho visto pregare la donna alla quale affiderò mia figlia quando riprenderò a lavorare e ho avuto fiducia.
Ho respirato incenso a pieni polmoni, ho voluto credere nell’amore senza riserve.
Ho sentito citare le parole di papa Francesco e ho sorriso pensando che, ogni tanto, le elezioni possono andare bene.

2 pensieri su “Riflessioni pasquali sotto l’effetto della prolattina

  1. “Ho respirato incenso a pieni polmoni, ho voluto credere nell’amore senza riserve”: bellissimo, ed è quello che serve, io credo. a tutti, sempre.
    un abbraccio

Rispondi a mammamari Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *